L’uomo che ha fermato il deserto

L’incredibile storia di Yacouba Sawadogo, agricoltore africano che aveva un sogno: far crescere gli alberi dove c’era il deserto. Lo avevano preso per matto. Ora la sua foresta si vede anche da satellite.

-

L’uomo che ha fermato il deserto

L’incredibile storia di Yacouba Sawadogo, agricoltore africano che aveva un sogno: far crescere gli alberi dove c’era il deserto. Lo avevano preso per matto. Ora la sua foresta si vede anche da satellite.

A Sud del Sahara, c’è un’ampia fascia geografica in bilico tra la savana e il deserto. Si chiama Sahel, ed è un enorme serpente di terra arida e incolta che si estende dalle coste dell’Oceano Atlantico fino a quelle del Mar Rosso. Basta un po’ d’acqua a colorarla di verde. Più spesso, però, avviene il contrario: complici i cambiamenti climatici e l’incuria dell’uomo, oggi il deserto tende a prevalere ovunque, e si mangia ogni cosa. Ovunque, tranne che in un angolo sperduto del Burkina Faso. Qui vive infatti un vecchio agricoltore che è stato recentemente riconosciuto tra i “Campioni della Terra” dalle Nazioni Unite, perché ha creduto in quello che agli altri sembrava impossibile: far nascere gli alberi dove prima non c’era altro che polvere. Questa è la storia di Yacouba Sawadogo, l’uomo che ha sconfitto il deserto.  

Sahel
La fascia del Sahel, in Africa (1080 Films).

 

Guerra alla siccità. Tutto comincia intorno al 1980, quando il Nord del Burkina Faso viene colpito da una siccità senza precedenti. La terra è sterile, arida, compatta, impenetrabile alle radici dei germogli. Non si intravede alcuna speranza, molti giovani preferiscono migrare altrove. Ma non Sawadogo, che si mette a scavare fosse zaï. Questo termine nella lingua locale designa alcune concavità scavate nel terreno, che essendo argilloso permette di raccogliere l’acqua in modo semplice e naturale. Le fosse, però, tradizionalmente venivano riempite di una miscela di fogliame, legnetti, sassi e sabbia.

Yacouba Sawadogo
Yacouba Sawadogo. La sua storia ha ispirato anche un documentario (1080 Films, v. trailer qui sotto).

Sawadogo ci aggiunge letame e altro materiale di scarto biodegradabile. Qualcuno lo prende per matto. La terra, però, pian piano prende vita, e le nuove piante che cominciano a crescere spaccano il terreno con le loro radici. Insetti e termiti, richiamate dai nutrienti, scavano cunicoli e contribuiscono anche loro a muovere il suolo. Basta allora aggiungere un po’ d’acqua sui rami e ai piedi delle piante, per richiamare uccelli e altri animali, che quando poi se ne vanno contribuiscono a spargere sementi. Infine, si aggiungono le api a garantire l’impollinazione.

Trailer del film The Man Who Stopped the Desert (2010, in inglese), prodotto da 1080 Films e distribuito da Journeyman Pictures.

Mercati e lezioni. È un meraviglioso esempio di costruzione da zero di un intero ecosistema. Purtroppo, qualcuno ha interessi contrari. Così, la foresta prima viene data alle fiamme, poi viene espropriata dalle autorità. Ma Sawadogo va avanti. Dà l’esempio, trova consensi e collaborazione. Già dal 1984 inizia a organizzare “mercati zaï”, corsi di formazione per condividere la sua esperienza e diffondere le sue tecniche. Nati come piccoli eventi, i mercati crescono come il bosco che raccontano, fino ad attirarsi un pubblico proveniente da oltre cento villaggi. Aumenta lo scambio di idee e di sementi, che vengono raccolte in una speciale banca.

“Ha fatto più lui di tutti i ricercatori nazionali e internazionali messi insieme”

Dal satellite. Oggi il bosco si estende su un’area di oltre quaranta ettari e si vede anche da satellite. Ospita oltre 60 specie di vegetali, oltre a un’ampia fauna selvatica. Ed è un piccolo esempio di quella che Paul Crutzen definì “geoingegneria”, cioè la capacità dell’uomo di alterare in modo controllato e positivo il pianeta in cui abita: l’unica possibilità che abbiamo di convivere in modo equilibrato con l’ambiente nell’epoca dell’Antropocene.

La forza dell’esempio. Nel 2018, Sawadogo vince il Right Livelihood Award, che qualcuno paragona al Nobel per coloro che offrono risposte pratiche ed esemplari alle maggiori sfide del nostro tempo”. «Ha avuto un impatto maggiore lui da solo di tutti gli altri ricercatori nazionali e internazionali messi insieme», ha commentato Chris Reij della Libera Università di Amsterdam (ora al World Resources Institute), sostenitore dei suoi progetti. «In questa regione, decine di migliaia di ettari di terreno che erano completamente sterili sono tornati produttivi grazie alle tecniche di Yacouba».

Bianca Notarianni e Andrea Parlangeli

Per saperne di più
• Il film The man who stopped the desert.
• Yacuba Sawadogo nel sito Unep Champions of the Earth.
• Il progetto delle Nazioni Unite The Great Green Wall
• Il post sull’Antropocene.

Bianca Notarianni
Bianca Nogara Notarianni è laureata in Scienze Filosofiche. Collabora con la rivista Liberazioni e con il blog filosofico-letterario Delle cose nascoste. Lavora inoltre come relatrice e moderatrice per il Laboratorio di libero pensiero Parliamo di filosofia.

Il video

Le vibrazioni di una ragnatela trasformate in suoni, progetto di sonificazione realizzato al MIT di Cambridge, Usa (Ian Hattwick, Isabelle Su, Christine Southworth, Evan Ziporyn, Tomás Saraceno e Markus Buehler).

Primo piano

In evidenza

Il viaggio di Josway

Dal Pantheon di Roma al cuore delle stelle più estreme, cronaca dei primi dieci giorni di cammino di un sito appena nato.

Categorie più popolari

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Recent comments