Il soffitto di Santa Maria in Trastevere

-

Il soffitto di Santa Maria in Trastevere

Nel tipico quartiere di Roma Trastevere, incontriamo uno dei più antichi luoghi di culto della città, ricchissimo di particolari degni di nota tanto da poter distrarre l’attenzione dal suo meraviglioso soffitto. È la basilica di Santa Maria in Trastevere, che ha radici antichissime: i primi scritti fanno riferimento al 349, con costruzioni susseguitesi negli anni. 

Il soffitto fu commissionato nel 1617 dal cardinale Pietro Aldobrandini all’artista Domenico Zampieri, noto come Domenichino. Lacunari di legno modanato in grandezze differenti sono ricoperti di decorazioni dorate che danno vita a uno spettacolo di grande eleganza. Al centro, in forma ottagonale e sempre ad opera del Domenichino, l’olio su tela che rappresenta l’Assunzione di Maria. 

Questa basilica non si sottrae alla vita di quartiere. Nella navata centrale, dal 1982 la Comunità di Sant’Egidio organizza il tradizionale pranzo di Natale con i poveri. Lo ha fatto anche quest’anno, con i dovuti accorgimenti, in piena fase Covid.

Giorgio Scozzafavahttps://sirgeorgephoto.altervista.org
Giorgio Scozzafava è un architetto informatico. Convive con la tecnologia sin da bambino, pur non essendo nato nell’epoca dei nativi digitali. Ha conseguito una Laurea in Discipline Psicosociali ed è amante della fotografia al punto di considerarla un mezzo per catturare e trasmettere emozioni. È attivo su Instagram con l’account @sirgeorgephoto.

Il video

Le vibrazioni di una ragnatela trasformate in suoni, progetto di sonificazione realizzato al MIT di Cambridge, Usa (Ian Hattwick, Isabelle Su, Christine Southworth, Evan Ziporyn, Tomás Saraceno e Markus Buehler).

Primo piano

In evidenza

Il viaggio di Josway

Dal Pantheon di Roma al cuore delle stelle più estreme, cronaca dei primi dieci giorni di cammino di un sito appena nato.

Categorie più popolari

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Recent comments